Il cinema in Italia
 

"Urla del silenzio" (Roland Joffé, 1984)

ilMusso 26 Ago 2017 23:30
Immagino che persone che frequentano un newsgroup come IAC conoscano bene questo
film ma a coloro che non lo conoscono, o non lo hanno mai visto, consiglio di
recuperarlo e di guardarselo.

Un gioiello.
Karamazov 27 Ago 2017 00:24
Il giorno sabato 26 agosto 2017 23:30:26 UTC+2, ilMusso ha scritto:
> Immagino che persone che frequentano un newsgroup come IAC conoscano bene
questo film ma a coloro che non lo conoscono, o non lo hanno mai visto,
consiglio di recuperarlo e di guardarselo.
>
> Un gioiello.

capolavoro, Joffé con Mission aveva fatto
una doppietta di livello stratosferico.
ilMusso 27 Ago 2017 16:29
Il 27 agosto 2017 alle ore 00:24 Karamazov ha scritto:

> capolavoro, Joffé con Mission aveva fatto
> una doppietta di livello stratosferico.


Si’. Dopo quei due film (1984 e 1986) pero’ non e’ purtroppo piu’
riuscito a stare su quei livelli, e nemmeno a quasi quei livelli
(a parte nelle serie televisive, in cui ha buoni risultati). A
mesi dovrebbe uscire “The Forgiven”, e la trama (che ruota a fatti
post-Apartheid) e alcuni nomi buoni nel cast fanno ben sperare.

Per quanto riguarda “Urla del silenzio”, ho idea che Christopher
J. Koch si sia fortemente ispirato ad esso per il suo romanzo “The
Year of Living Dangeously” (pubblicato nel 1978), da cui e’ stato
poi tratto il notevole film “Un anno vissuto pericolosamente” di
Peter Weir (1982).

Direi che la relazione di amicizia tra il giornalista australiano
Guy - dal suo network inviato in Indonesia come corrispondente di
guerra - e il fotografo e cameraman australiano-cinese Billy
ricorda molto l’intensa relazione di amicizia tra il giornalista
statunitense Sidney - dal suo network inviato in Cambogia come
corrispondente di guerra - e il suo interprete e guida Dith Pran.
Karamazov 27 Ago 2017 18:37
Il giorno domenica 27 agosto 2017 16:29:01 UTC+2, ilMusso ha scritto:
> Il 27 agosto 2017 alle ore 00:24 Karamazov ha scritto:
>
>> capolavoro, Joffé con Mission aveva fatto
>> una doppietta di livello stratosferico.
>
>
> Si’. Dopo quei due film (1984 e 1986) pero’ non e’ purtroppo piu’
> riuscito a stare su quei livelli, e nemmeno a quasi quei livelli
> (a parte nelle serie televisive, in cui ha buoni risultati). A
> mesi dovrebbe uscire “The Forgiven”, e la trama (che ruota a fatti
> post-Apartheid) e alcuni nomi buoni nel cast fanno ben sperare.

gli è mancato il salto verso lo status di regista di culto,
probabilmente a quel punto non ha saputo scegliere la
sceneggiatura giusta per sfruttare l'effetto trampolino
dei due film precedenti. Si è fermato 3 anni e poi ha fatto
due film ******* (che sinceramente non ho visto e che
probabilmente vale la pena recuperare).
dopo quello una serie di scelte discutibili.

> Per quanto riguarda “Urla del silenzio”, ho idea che Christopher
> J. Koch si sia fortemente ispirato ad esso per il suo romanzo “The
> Year of Living Dangeously” (pubblicato nel 1978), da cui e’ stato
> poi tratto il notevole film “Un anno vissuto pericolosamente” di
> Peter Weir (1982).
>
> Direi che la relazione di amicizia tra il giornalista australiano
> Guy - dal suo network inviato in Indonesia come corrispondente di
> guerra - e il fotografo e cameraman australiano-cinese Billy
> ricorda molto l’intensa relazione di amicizia tra il giornalista
> statunitense Sidney - dal suo network inviato in Cambogia come
> corrispondente di guerra - e il suo interprete e guida Dith Pran.

sì c'è una evidente similitudine, altro grande film, btw.
anche se va detto che killing field è un film biografico
basato su personaggi reali. la realtà che imita l'arte.
Once Upon a Time... 29 Ago 2017 09:43
Il giorno domenica 27 agosto 2017 00:24:52 UTC+2, Karamazov ha scritto:
> Il giorno sabato 26 agosto 2017 23:30:26 UTC+2, ilMusso ha scritto:
>> Immagino che persone che frequentano un newsgroup come IAC conoscano bene
questo film ma a coloro che non lo conoscono, o non lo hanno mai visto,
consiglio di recuperarlo e di guardarselo.
>>
>> Un gioiello.
>
> capolavoro, Joffé con Mission aveva fatto
> una doppietta di livello stratosferico.

Concordo.

Mission ha pure il valore aggiunto della miglior
colonna sonora composta da Morricone (dopo i
western di Leone ovviamente)

Michele
capote 29 Ago 2017 16:21
Ho sempre avuto la sensazione che avendo un produttore italiano (Ghia)
"Mission" sia un tantinello sopravvalutato in Italia (ma è comunque un
ottimo film).
Completamente d'accordo, invece, per "Urla del silenzio" (e anche per
"Un anno vissuto pericolosamente").

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Il cinema in Italia | Tutti i gruppi | it.arti.cinema | Notizie e discussioni cinema | Cinema Mobile | Servizio di consultazione news.